Peter Schneider – Gli amori di mia madre

0

Gli uomini gentili hanno vita difficile

recensione di Giusi Marchetta

dal numero di dicembre 2015

Peter Schneider
GLI AMORI DI MIA MADRE
ed. orig. 2013, trad. dal tedesco di Paolo Scotini,
pp. 312, € 16,
L’Orma, Roma 2015

Che cosa ne facciamo delle lettere d’amore dei nostri genitori? Come disporre di parole che descrivono un tempo in cui non esistevamo, che non sono indirizzate a noi e che potrebbero stupirci e farci male rivelandoci un padre o una madre diversi da quelli che abbiamo conosciuto? In un solo modo, consiglia un’amica a Peter Schneider: buttandole in acqua e lasciando che l’inchiostro si sciolga, cancellando per sempre le confessioni che contengono. Una soluzione teatrale quanto saggia, ma che non vale per le lettere della madre che lo scrittore ha ereditato e che sono tutte vergate a matita. La grafite resiste all’acqua, insiste a raccontare quelle storie a distanza di anni dalla morte della donna, così al figlio non resta che affrontarle pur sapendo che questa scelta lo riporterà al tempo difficile della guerra, mostrandogli quello che allora, per la giovane età, gli era impossibile capire. Così, grazie all’aiuto di Gisele, Schneider procede a una traduzione della scrittura Sütterlin e tra quelle pagine, tra le righe appuntate dietro liste della spesa e volantini mezzi strappati, scopre un’altra madre: una donna giovane, passionale, emancipata, divisa tra gli obblighi familiari e il desiderio bruciante di realizzarsi attraverso l’arte e l’amore che prova per i suoi amanti. Gli amori di mia madre non è solo la ricostruzione emozionante di una storia vera narrata senza censure attraverso la voce della protagonista, ma un romanzo affascinante che sfida le convenzioni del memoir e colpisce per la sua forza e originalità.

Schneider, noto per la sua attività nel movimento studentesco berlinese degli anni sessanta, scrittore tradotto, sceneggiatore e visiting professor presso le università di Stanford, Harvard e Princeton, ha incontrato il pubblico italiano in occasione di Bookcity a Milano e a Torino… Per continuare la lettura occorre essere abbonati  – Scopri le nostre offerte

Condividi.