Il Mignolo – Editoriale

Il Mignolo è un inserto quadrimestrale destinato agli adulti (genitori, insegnanti, librai, bibliotecari) dedicato ai libri per bambini e ragazzi, dall’età prescolare agli young adults. Diretto dalla scrittrice Sara Marconi, è una guida per orientarsi in un settore editoriale in continua e rapida espansione, attraverso rubriche, rassegne bibliografiche approfondimenti tematici e monografici.

Editoriale di dicembre

Questo numero del Mignolo, come avevo anticipato a ottobre, è un numero doppio, ricchissimo, quasi strabordante; ed è un numero pieno di regali.

Il primo lo abbiamo ricevuto noi: è il Tigrillo di Antonio Boffa (autore di tutte le illustrazioni di dicembre) che ci osserva tra le fronde di un albero forse non natalizio ma comunque assolutamente festoso. Grazie.

Ci sono poi due pacchetti belli grossi, quello che contiene l’intervista di Irene Greco ad Attilio, a conclusione delle celebrazioni per i suoi cento anni, e quello in cui alcune amiche e amici librai raccontano (con l’aiuto di una splendida bibliografia ragionata di Fernando Rotondo) la figura indimenticabile di Roberto Denti, e la sua lezione.

E poi ancora: Beniamino Sidoti ci ricorda che i giochi e le storie possono parlarsi, addirittura in biblioteca; Elena Paparelli ripesca insieme a Giulia Brandoli “un piccolo capolavoro del nonsense”, Francesca Tamberlani ci presenta il lavoro incredibile di Maria Carmela Polisi a Pomigliano d’Arco e Antonella Capetti ci spiega perché c’è un libro dopo il quale “l’insegnamento dell’arte nella scuola primaria non potrà più essere lo stesso”.

E naturalmente ci sono i libri: tanti, tantissimi libri. Quelli di divulgazione scientifica di cui parla Sergio Rossi, i graphic novel che Virginia Stefanini pazientemente classifica e riordina, i libri di montagna suggeriti dai librai intervistati da Sofia Gallo e le moltissime novità segnalate da Libri Calzelunghe. Tutti ottimi regali, secondo noi.

Infine l’ultimo regalo ce lo facciamo da soli, un po’ timidamente, mettendo in fila i libri nostri, quelli di chi scrive anche il Mignolo; come sapete su queste pagine non vengono recensiti: li raccogliamo tutti insieme una volta l’anno, a dicembre, nel nostro “Fatti in casa”.

E quindi buone feste, e soprattutto buon anno: per il Mignolo il 2023 è stato un anno pieno di cose nuove, e belle; speriamo lo sia stato anche per voi, e lo sia ancora di più il 2024.

Sara Marconi